Offerta formativa


Obiettivi formativi
Carattere distintivo della formazione offerta da una Scuola di Dottorato è la formazione attraverso la ricerca. Gli studenti di Dottorato sviluppano capacità analitiche, metodi sperimentali e una forma mentis, che permettono loro di avanzare le conoscenze e risolvere problemi di frontiera nella loro disciplina, così che potranno intraprendere carriere nella ricerca (presso Università, Enti pubblici o soggetti privati), o portare a qualunque professione scelgano lo spirito di scoperta e la disponibilità al rischio che si imparano facendo ricerca. Oltre agli insegnamenti inquadrati in ciascun suo Corso di Dottorato, la Scuola di Dottorato offre insegnamenti, seminari, lezioni, a cui possono partecipare tutti gli studenti iscritti ai suoi Corsi di Dottorato.
Attività formative
Le attività formative della Scuola sono attività didattiche (insegnamenti, seminari, lezioni magistrali) erogate dalla Scuola.
Dottorati di ricerca
Il dottorato di ricerca è il III livello di studi universitari, dopo la laurea e la laurea specialistica/magistrale, a cui si accede per concorso e che mira alla formazione attraverso la ricerca.
Dottorato in Scienze Storiche e Antropologiche (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)

COORDINATORE: Prof. Gian Maria VARANINI

Il dottorato di ricerca in Scienze storiche e antropologiche mira a far acquisire ai dottorandi gli strumenti metodologici e le tecniche di indagine necessarie a produrre ricerche di alto profilo scientifico in ambito storico ed antropologico, con particolare riguardo per la storia sociale del mondo antico, della civiltà medioevale, dell'età moderna e contemporanea e per l'antropologia culturale e sociale. Il dottorato di ricerca si proprone come naturale prosecuzione ed ulteriore momento di approfondimento scientifico e metodologico delle principali lauree magistrali dell'area umanistica. I dipartimenti promotori, in collaborazione con le Facoltà interessate e con gli enti convenzionati, provvedono ad organizzare apposite attività didattiche e seminariali specificamente dedicate ai dottorandi di ricerca, anche in rapporto con i corsi attivati delle lauree specialistiche; sono previste attività di ricerca individuali e di gruppo negli archivi e nelle biblioteche, visite a musei e siti archeologici, indagini su campo, missioni in Italia e all'estero per svolgere le ricerche finalizzate alla dissertazione conclusiva o per seguire specifiche attività formative presso centri di ricerca italiani e stranieri. I dipartimenti organizzano altresì cicli di conferenze, lezioni e incontri a carattere seminariale con studiosi italiani e stranieri altamente qualificati, in grado di proporre ai dottorandi spunti e suggerimenti di carattere metodologico e storiografico. Ulteriori attività seminariali sono organizzate in collaborazione con altri dottorati di ricerca italiani o stranieri delle medesime aree scientifico-disciplinari. Il dottorato promuove lo sviluppo delle collaborazioni a livello nazionale e internazionale con Università e centri di ricerca qualificati; tali collaborazioni sono regolate da apposite convenzioni, mediante programmi di internazionalizzazione, reciproco riconoscimento dei titoli dottorali, accordi di co-tutela, scambi con l'estero, scambi con sedi consorziate, progetti di ricerca finanziati da enti terzi che vedano la partecipazione di patners stranieri o italiani diversi dall'Ateneo di Verona e prevedano scambi di docenti e studenti di dottorato. L'attività di ricerca di singoli dottorandi è sottoposta alla supervisione del Collegio dei docenti in collaborazione con gli advisors ed i tutors da esso designati in base al regolamento di tutorato.

Dottorato in Anglofonia (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
Il dottorato in Anglofonia, della Scuola di Dottorato in Studi Umanistici, è fondato su settori scientifico-disciplinari connessi che trovano un comune riferimento agli Englishes e alle culture del Regno Unito, Stati Uniti e paesi anglofoni, si focalizza sull’indagine di aspetti fondamentali della comunicazione nelle sue realizzazioni linguistiche, culturali e letterarie, e gode di una omogeneità che gli deriva da un’affinità di interessi tematici e metodologici dei docenti e ricercatori coinvolti. La formazione del dottorando è volta a specificare, nell’arco del triennio fini e metodi di ricerca nei tre ambiti su nominati, secondo due direttrici fondamentali: acquisizione da parte del dottorando di una solida impostazione metodologica linguistico-teorica, comprendente l’ampia gamma in cui si sono venuti articolando gli studi in questo campo nelle aree di lingua inglese (global English). Nel mentre svolgerà un’approfondita riflessione teorica, d’impianto semantico e psicolinguistico, il dottorando sarà anche impegnato in laboratori in vista di ricerche di tipo applicativo, con particolare accento sulle problematiche dell’insegnamento e dell’apprendimento specialistico della lingua applicato all’inglese nelle sue varianti europee, americane, del Canada, dell’Australia, della Nuova Zelanda, dei paesi anglofoni in Africa e Asia. In questo ambito il dottorando verrà progressivamente dotato anche di una sicura metodologia scientifica per quanto attiene la teoria e prassi traduttiva, nonché la mediazione linguistico-culturale rappresentata dal sempre crescente impatto dell’inglese come lingua franca o L2; acquisizione di una duttile e sempre più sofisticata metodologia di ricerca orientata verso un’indagine tipologica delle singole eppure collegate culture del mondo di lingua inglese; verso l’individuazione delle specificità delle scritture letterarie e paraletterarie in chiave diacronica e sincronica; verso una meditata rivisitazione teorico-pratica dei generi, anche nella loro realizzazione metaletteraria e postmoderna; verso uno studio sempre più approfondito dell’interazione dei fenomeni culturali (letteratura e teatro, cinema, TV, scienza, filosofia, arti figurative, musica, moda e costume, folklore), e fruendo costantemente e criticamente dell’imprenscindibile contributo di conoscenza dato dalle Teorie della letteratura di matrice anglo americana.
Dottorato in Beni Culturali e Territorio (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)

COORDINATORE: Prof.ssa Loredana OLIVATO

Gli obiettivi formativi consistono innanzitutto nel fornire la conoscenza teorica e pratica di quegli strumenti metodologici che si dimostrino idonei a consentire ai dottorandi un approccio efficiente agli argomenti della loro ricerca, in termini non soltanto di coerenza dei risultati rispetto al campo di stdio prescelto, ma anche di maturazione nell'affrontare e gestire le problematiche più ampiamente connesse all'attività di ricerca scientifica in generale. Da tali punti di vista, questo dottorato intende qualificare la circoscrizione degli obiettivi partivcolari di ogni singolo progetto di ricerca come un momento preliminare nella definizione di un contesto metodologico più ampio, nel quale far confluire gli strumenti di ricerca specifici di ciascuno dei settori scientifici che compongono il dottorato stesso. Entro queste coordinate la partecipazione si propone, prima di tutto, l'obiettivo di sviluppare la capacità del dottorando nel riconoscere, accostare e rielaborare le fonti di informazione a sua disposizione nel settore particolare di studio, allo scopo non soltanto di relazionare le ricerche più opportune agli obiettivi dei singoli studi, ma anche di impedire sprechi di risorse materiali e temporali e valorizzare quanto più possibile il beneficio scientifico derivabile dall'impegno triennale. Per quanto concerne l'analisi della bibliografia e l'ottimizzazione della ricerca e della rielaborazione personale, i dottorandi utilizzano frequentemente risorse informatiche, sia per l'acquisizione e l'analisi dei dati, sia per quanto concerne lo studio vero e proprio, che specialmente per i dottorandi dell'ambito storico-artistico implica l'accesso a siti specializzati di Istituti di cultura o di case d'asta, presso i quali sono disponibili archivi letterari, bibliografici, fotografici ed iconografici, fondamentali per ampliare il ventaglio dei confronti e la portata delle ricerche. Accanto all'utilizzo di questi strumenti, per i dottorandi sono previsti anche degli incontri seminariali e dei cicli di lezioni durante i quali è possibile effettuare un confronto sia con i tutors e i docenti facenti parte del collegio, sia con altri specialisti dei singoli settori di ricerca, sia con docenti stranieri. L'obiettivo di tali incontri è prima di tutto quello di far emergere la necessità, imprescindibile per la ricerca scientifica, del confronto e del dibattito, allo scopo di abituare il dottorando all'apertura e all'elasticità intellettuale. Si tratta di un fine essenziale per il dottorato, nel quale convivono anime diverse: l'ampliamento della conoscenza di argomenti di carattere storico, artistico, geografico, economico, chimico-fisico e giuridico, che presentino affinità o comunque utili spunti per i singoli progetti di ricerca, trova giustificazione nell'esigenza primaria di sviluppare nei dottorandi la consapevolezza dei rapporti profondi e strettamente intrecciati che sorgono nel campo dei beni culturali, nonché una confidenza crescente con un approccio sempre più interdisciplinare. Nel complesso, gli incontri sono giudicati utili per permetttere un confronto di studi diversi che rendano tutti i dottorandi consapevoli dell'importanza dell'interazione di letture, metodologie di ricerche e oggetti di analisi diversi, da integrare a seconda della formazione e degli obiettivi scientifici di ciscun dottorando. Nello specifico gli incontri e i dibattiti concentrati su un settore preciso hanno lo scopo di incrementare l'acquisizione e la rielaborazione delle metodologie di ricerca scientifica più appropriate. Con l'intento di accrescere l'efficacia di tali momenti gli incontri sono sempre supportati da congruo materiale audiovisivo. Questo permette ai dottorandi di prendere confidenza non soltanto con la strumentazione informatica, ma anche con tutti quei mezzi meccanici che consentano di rendere la ricerca scientifica un momento di organizzazione e di diffusione dei risultati, per quanto parziali. Le potenzialità della ricerca sono state incrementate dalla costituzione di un laboratorio di analisi infrarosse, la cui strumentazione può essere impiegata sia per le ricerche storico-artistiche, che per quelle archeologiche. Allo scopo di incrementare gli strumenti a disposizione dei dottorandi sono previsti dei corsi di lingua straniera, organizzati nell'ateneo, con l'obiettivo di permettere al dottorando la fruizione di un numero maggiore di fonti e di strumenti; ad essi si accompagna il sostegno del dipartimento all'organizzazione di corsi interni di informatica, che rendano il dottorando non soltanto più autonomo nel gestire i programmi di lavoro, ma anche capace-nei limiti delle esigenze- di sfruttarli al meglio per le proprie analisi.

Dottorato in Letteratura e Filologia (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
Gli obiettivi formativi del Dottorato in Letteratura e Filologia, della Scuola di Dottorato in Studi Umanistici, mirano, attraverso percorsi personalizzati, al raggiungimento, da parte dei dottorandi, di un livello di competenza e di padronanza di discipline e metodologie che consenta loro di svolgere, in Italia e all’estero, attività di ricerca scientifica altamente qualificata, nell’ambito umanistico, presso Università, enti pubblici o soggetti privati; il dottorato forma anche studiosi in grado di inserirsi in alcuni settori del mondo del lavoro con un alto livello di qualificazione professionale. Il dottorato è strutturato in due indirizzi (“antichità e medioevo” e “età moderna e contemporanea”) organizzati secondo una logica interdisciplinare che stimoli nei dottorandi la capacità di far interagire proficuamente discipline e metodologie scientifiche diverse. Oltre ai cicli di lezione e seminari, vengono organizzate una serie di conferenze con studiosi e ricercatori altamente qualificati, italiani e stranieri, in grado di proporre ai dottorandi spunti e suggerimenti negli ambiti delle tematiche di ricerca. Si prevedono anche lezioni finalizzate a far conoscere ai dottorandi le realtà lavorative che costituiscono possibili sbocchi professionali: case editrici, archivi, biblioteche, enti che organizzano eventi culturali, centri di ricerca, ecc. Sono previste missioni in Italia e all’estero per svolgere ricerche finalizzate alla tesi di dottorato o per seguire specifiche attività formative presso centri di ricerca. A tal fine, sono favoriti i rapporti con gli altri Atenei e con Centri di eccellenza italiani e stranieri (rientra in questo ambito l’accorso di co-tutela di tesi con la Universidad di Zaragoza); altri Atenei e centri di eccellenza saranno individuati sulla base delle necessità dei dottorandi, per agevolare loro lo svolgimento di ricerche finalizzate alla dissertazione conclusiva.
Per l’indirizzo “antichità e medioevo” gli obiettivi specifici mirano all’acquisizione della capacità di svolgere progetti di ricerca che presentino notevoli aspetti di novità e si segnalino per il rigore dell’applicazione del metodo scientifico pertinente e per l’ottima padronanza delle discipline coinvolte, nell’ambito della lingua e letteratura greca, latina (antica e medioevale), romanza, della letteratura italiana, francese, tedesca di età medioevale, dell’antropologia del mondo antico, della pragmatica della comunicazione, della filologia greca, latina e romanza e della didattica del latino.
Per l’indirizzo “età moderna e contemporanea” gli obiettivi formativi specifici mirano all’acquisizione della capacità di svolgere progetti di ricerca che presentino notevoli aspetti di novità e si segnalino per il rigore dell’applicazione del metodo scientifico pertinente e per l’ottima padronanza delle discipline coinvolte, nell’ambito della lingua e della letteratura italiana, francese, tedesca, dall’Umanesimo all’età contemporanea, della didattica dell’italiano, delle letterature comparate e delle connessioni fra la letteratura e la storia dello spettacolo, della musica e del cinema. Particolare attenzione sarà prestata ad un approfondimento delle metodologie che consenta l’acquisizione sia delle capacità di individuare gli approcci metodologici più adeguati all’oggetto di studio, sia delle capacità di applicare in modo scientificamente corretto le metodologie scelte. L’organizzazione scientifica e didattica del dottorato è volta a favorire nei dottorandi lo sviluppo delle capacità di effettuare in ambito scientifico collegamenti fra le varie discipline e l’acquisizione di competenze specifiche volte a promuovere le possibili forme di dialogo fra le varie metodologie e i vari settori scientifici
Dottorato in Letterature Straniere e Scienze della Letteratura (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
Il dottorato in Letterature Straniere e Scienza della Letteratura della Scuola di Dottorato in Studi Umanistici è riservato a laureati che intendono approfondire le conoscenze nell’ambito delle letterature moderne, delle filologie e delle discipline ad esse collegate, con un carattere marcatamente comparatistico e interdisciplinare. Fine del corso è perfezionare la formazione di base nelle suddette discipline e l’acquisizione della metodologia e delle competenze teoriche e applicative necessarie alla ricerca in ambito letterario, che possono essere utilizzate anche in ambiti didattici e professionali.<
Dottorato in Linguistica (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013)
Si intende impartire una formazione che assicuri competenze necessarie alla ricerca scientifica nell’ambito della linguistica in prospettiva sia storica, sia teorica, sia applicata, con specifica attenzione alle lingue d’Europa, antiche e moderne. In particolare, la formazione consisterà nel completamento della preparazione di base (che si assume già acquisita) nelle aree qui di seguito indicate, e nell’approfondimento di una di esse a livello di ricerca avanzato: teoria linguistica (anche nella sua prospettiva storica), descrizione storica e/o sincronica di una o più lingue d’Europa (incluse quelle recentemente acquisite attraverso l’immigrazione) o dei loro dialetti e varietà d’uso, tipologia del contatto linguistico e dei conflitti di lingua e cultura, processi di apprendimento di lingue seconde, problemi di insegnamento delle lingue straniere, applicazioni cliniche della linguistica teorica. Inoltre il dottorato ha lo scopo, in conformità a quanto previsto dall’art. 4 della legge n. 210/98, di fornire competenze adeguate per esercitare attività di alta qualificazione presso università, enti pubblici e soggetti privati.
http://fermi.univr.it/Lingphd

La didattica è interamente impartita in lingua inglese​
Offerta formativa
Inizio pagina